Giuseppe Vietti, ricercatore appassionato nel modo di dipingere, quanto nel portare a nuovo soggetti che possono anche essere abusati, ritrae quello che vede e che sente.

Osservatore attento e acuto, temperamento di pittore e di artista, conosce il bel segreto di evidenziare le cose più abituali nell’atmosfera più singolare , sempre vigile nel manifestare un interesse preciso per i sottili valori cromatici, per l’ampiezza di respiro, per la linea armoniosa e per una grazia nella costruzione delle figure. In ogni cosa però nasconde l’arcano, l’incanto e la limpidezza di un narratore evanescente ma con una concretezza e una grazia che lo salvano dall’indeterminato e dalla maniera.

Secondino Scaglione (Direttore rivista lasalliana)